· Città del Vaticano ·

Un popolo ancora segregato

Le finestre di Luník

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 settembre 2021
Nel cuore dell’Europa Papa Francesco ha scelto, come penultima tappa del suo terzo giorno del recente viaggio apostolico, di recarsi in visita tra gli ultimi degli ultimi; alla periferia di Košice in Slovacchia, dove sorge il quartiere Luník ix, ha incontrato le cinquemila persone di origine gitana confinate da anni in condizioni di degrado e povertà estrema. È stata una festa vera per il ghetto, in cui vive la più alta percentuale di popolazione Rom della Slovacchia e, probabilmente, di tutta l’Europa, ma anche una delle tappe più significative di questo 34.mo pellegrinaggio, che ha riportato al centro dell’attenzione una delle tante periferie geografiche ed esistenziali verso le quali è sempre rivolto lo sguardo del Papa. Un viaggio segnato dai reiterati appelli contro discriminazioni e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno