· Città del Vaticano ·

L’agenda del prossimo esecutivo guidato dal laburista Jonas Støre

La Norvegia dopo il voto tra temi sociali, energia e clima

17 settembre 2021
Dopo otto anni di governi conservatori, i laburisti norvegesi torneranno al potere. Nelle elezioni tenutesi tra il 12 e il 13 settembre, il partito guidato da Jonas Gahr Støre è risultato primo con quarantotto seggi, seguito dal partito dell’ex primo ministro Erna Solberg con trentasei (nove in meno rispetto alla precedente tornata) e dal Partito di Centro guidato da Tryvge Slagsvold Vedum, che con i suoi ventotto seggi è la fazione che ha ottenuto il maggiore successo politico con ben nove seggi in più rispetto alle elezioni del 2017. Nonostante il successo elettorale, i seggi ottenuti non garantiscono la maggioranza allo Storting, il parlamento unicamerale norvegese. Per raggiungere la soglia necessaria alla formazione di un esecutivo, fissata a ottantacinque seggi, Støre dovrà formare una ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno