· Città del Vaticano ·

Il mito della razza nella storia

Eutanasia di Stato contro le «zavorre umane»

17 settembre 2021
Frutto di un crimine contro la razza punito da una legge dello Stato delle Hawaii, il neonato Barack non aveva grandi chance, partorito, lui nero, da una ragazza madre bianca il 4 agosto del 1961. La riabilitazione “genetica” di Barack Obama, futuro presidente degli Stati Uniti, il primo di pelle nera, arrivò solo nel 1967, quando la corte suprema dichiarò incostituzionali le leggi sulla Miscegenation, la mescolanza di geni fra cosiddette “razze” umane. Ma il concetto pseudoscientifico di “razza”, di conio ottocentesco, europeo e coloniale, continua ad essere un’invenzione di successo nella storia del controllo sociale; ai suoi apici ha dimostrato che l’uomo sa fabbricare i miti scientifici e gli strumenti legali e burocratici al servizio dell’odio e della segregazione. Non ha mai smesso di dare frutti velenosi, dall’800 ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno