· Città del Vaticano ·

Un mese fa il terremoto ad Haiti

16 settembre 2021
Port-au-Prince , 16. È trascorso un mese dal devastante terremoto di magnitudo 7,2 sulla scala Richter ad Haiti, il Paese caraibico che deve ancora riprendersi dal passaggio dell’uragano Grace. Il tutto mentre il Paese è alle prese con una grave crisi politico-istituzionale dopo l’assassinio, il 7 luglio scorso nella capitale, del presidente, Jovenel Moïse. La devastazione dopo il sisma — che ha provocato più di 2.000 morti e oltre 12.000 feriti — si aggiunge alla miseria, moltiplicando i numeri della tragedia: oltre 650.000 persone, di cui 260.000 bambini, hanno ancora bisogno di assistenza umanitaria. E sono a rischio malattie, infezioni, a corto di cibo, acqua e cure. Secondo l’Unicef, i servizi sanitari rimangono in larga parte interrotti e molti edifici ospedalieri sono tuttora danneggiati o distrutti nei ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno