· Città del Vaticano ·

Dopo la sfida missilistica tra Pyongyang e Seoul

Cresce la tensione al 38° parallelo

16 settembre 2021
New York, 16. La sfida a colpi di test missilistici di ieri tra la Corea del Nord e la Corea del Sud ha riacceso la tensione nella penisola coreana. Pyongyang ha sparato da un treno due missili a corto raggio, tra cui una versione aggiornata del vettore balistico Kn-23 Iskander, mentre Seoul ha successivamente lanciato un missile da un sottomarino (Slbm) della classe Dosan, da 3.000 tonnellate. Questo lancio è stato supervisionato dal presidente sudcoreano Moon. Fattori che fanno temere ad alcuni osservatori una corsa agli armamenti tra le due Coree, dato che Seoul, con il suo Slbm, è entrata nel ristretto “club” di Paesi con quel tipo di armi, che annovera Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna, Francia, India, Cina e Corea del Nord. Per fare il punto della grave situazione, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno