· Città del Vaticano ·

Con questo anello sei consacrata a me

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 settembre 2021
È appena iniziato il 1500, quando la famiglia Albizzini di Città di Castello commissiona un quadro che rappresenti lo sposalizio di Maria e Giuseppe per la Chiesa di san Francesco della loro città. Lo chiede a un ragazzo di 21 anni, giovanissimo pittore ma già autore di opere da fuoriclasse. È nato a Urbino, si chiama Raffaello Sanzio, viene chiamato “il divino” perché esegue con grande facilità opere ricche di armonia e bellezza. Bello di aspetto, di compagnia piacevole, appezzato da tutti, Raffaello brucia tutte le tappe. Per dipingere lo Sposalizio della Vergine studia il meraviglioso Tempietto del Bramante al colle Gianicolo, all’epoca probabilmente in costruzione, ma soprattutto va a riprendere l’opera sullo stesso tema dipinta dal suo maestro, il Perugino, oggi nel duomo di Perugia, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno