· Città del Vaticano ·

L’indagine sull’uccisione del presidente Moïse

Ad Haiti chiesta l’incriminazione del premier

15 settembre 2021
Port-au-Prince , 15. Il capo della procura di Haiti, Bed-Ford Claude, ha chiesto al giudice incaricato delle indagini sull'assassinio del presidente, Jovenel Moïse, di incriminare il primo ministro, Ariel Henry, a causa dei colloqui telefonici che avrebbe avuto poche ore dopo l’omicidio con uno dei principali sospettati. Si tratta di un ex funzionario del ministero della Giustizia, tuttora ricercato dalla polizia. Claude ha inoltre chiesto che venga imposto a Henry il divieto di lasciare il territorio di Haiti, «vista la gravità dei fatti esposti». Il presidente Moïse è stato ucciso il 7 luglio da un commando armato nella sua residenza a Port-au-Prince. Quarantaquattro persone, tra cui 18 colombiani e due statunitensi di origine haitiana, sono state arrestate nell’ambito delle indagini. Poco ore ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno