· Città del Vaticano ·

La suggestiva celebrazione a Prešov

Simboli e colori di una “liturgia celeste”

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 settembre 2021
Vicino al confine orientale, martedì 14 settembre Papa Francesco ha reso omaggio alla comunità greco-cattolica della Slovacchia, che ha pagato un pesante tributo in termini di persecuzioni per la sua fedeltà a Roma. A Prešov, sede della Chiesa metropolitana “sui iuris” di tradizione bizantina, sullo splendido altare allestito nel piazzale antistante il palazzetto dello sport comunale, il Pontefice ha presieduto la divina liturgia di san Giovanni Crisostomo, con la sua ricchezza rituale di simboli e di colori, a cominciare da quelli dei paramenti, oggi rossi, e delle icone collocate sul palco papale. Una celebrazione totalmente cantata, che Germano di Costantinopoli definiva “liturgia celeste”, in cui nubi d’incenso salgono verso l’alto insieme con gli inni e le litanie intonati dai partecipanti. Partito in aereo da ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno