· Città del Vaticano ·

Il teatro

Macbeth e il maiale

14 settembre 2021
«Nonostante siamo quotidianamente assediati da un linguaggio violento, abbiamo più paura della nostra parte violenta. Non siamo più in grado di comprendere il Male, questo credo» scrive Angela Demattè parlando dello spettacolo Macbeth, le cose nascoste, esito di un lungo lavoro di ricerca drammaturgica compiuto insieme a Carmelo Rifici e Simona Gonella. Libro che contiene il testo, il quaderno di lavoro con la genesi del progetto e un inserto con le foto di scena. Difficile rendere sul palco la furia cieca di un massacro; ci riesce Tindaro Granata raccontando il mondo delle nonne-sciamane della sua Sicilia, arcaica e bellissima, ma soprattutto la rappresentazione (concreta, molto concreta) dell’antico rito dell’uccisione del maiale. Il palco diventa un mattatoio di campagna, e lo spettatore “vede” per un ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno