· Città del Vaticano ·

Il quadro

Cézanne e lo stagno

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 settembre 2021
Il concetto di visione è centrale in Cézanne: attraverso lo studio analitico e paziente della natura, nelle sue variegate manifestazioni, l’artista francese ne sviluppa le dinamiche potenzialità fino a forgiare un linguaggio pittorico che aspira a far convergere, in una felice e costruttiva sintesi, il dato realistico e la componente filosofica. Una significativa testimonianza di questa impostazione narrativa è Ponte sullo stagno (1895-1898), tela caratterizzata da una vegetazione, folta e intricata, che sembra quasi invadere con smaccata prepotenza il placido specchio d’acqua. Il quadro si configura come un appassionato e commosso inno alla natura e alla sua presenza, nel cosmo, torreggiante e solenne. Mediante una fitta trama di pennellate che corrono a fascia e a pettine lungo la superficie della tela, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno