· Città del Vaticano ·

La memoria liturgica di san Giovanni Crisostomo

Dall’eucaristia sacramento al sacramento del fratello

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
13 settembre 2021
Quando si sente parlare di un santo dal nome, talora, impronunciabile come il nostro patrono, i più sembrano aggrottare le sopracciglia con aria perplessa. Figuriamoci se poi si tratta di un padre e dottore della Chiesa dei primi secoli. In realtà, per quanti sono addentro alla dottrina e al magistero della Chiesa, la figura di san Giovanni Crisostomo è ben nota quale colonna non solo della patristica ma dell’esegesi, della catechesi, della liturgia ed anche della carità. Una figura quanto mai viva e oltremodo attuale. Sulla base di cosa? Certo dell’esemplarità della vita di cristiano e di pastore ma, in maniera mirabile, dalla ricchezza e profondità del suo insegnamento. Chiunque abbia avuto modo d’imbattersi nella lettura di un suo scritto non potrà non ammettere, con stupore, che sembri ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno