· Città del Vaticano ·

I giovani e la città eterna

Preoccupati e inascoltati

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 settembre 2021
In effetti Roma non è (forse) una città per giovani. Sono in particolare due i dati che suggeriscono questa osservazione. Il primo: il 53% dei ragazzi tra i 18 e i 24 anni a Roma afferma di avere un contratto di lavoro precario, atipico o a termine. Il secondo: l’offerta culturale a Roma presenta una fortissima disomogeneità sul territorio. In alcune periferie non esiste neanche un cinema, un teatro o una biblioteca. Ma per capire, per conoscere questi aspetti, occorre procedere con cautela. Bisogna interpretare i dati. Le statistiche sul lavoro giovanile a Roma meritano di essere approfondite. In primis, ci si può domandare in che modo i ragazzi accedano al mondo del lavoro. Secondo un rapporto di Roma Capitale e Demoskopika del 2018 sui romani tra i 18 e i 35 anni, il 62% degli intervistati dichiara di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno