· Città del Vaticano ·

Dopo 13 mesi di stallo istituzionale

Il Libano

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 settembre 2021
Beirut , 11. Dopo oltre tredici mesi senza un esecutivo il Libano, da ieri, ha un nuovo governo al quale spetterà il compito di portare il Paese fuori da un’epocale crisi economica e sociale. Alla guida dell’esecutivo, composto da 24 ministri, è Najib Mikati che ha ricevuto l’incarico di formare il nuovo governo lo scorso 27 luglio dal presidente della Repubblica Michel Aoun. Nelle sue prime dichiarazioni, Mikati ha affermato che il governo, nell’intento di risollevare il Libano dalla sua drammatica crisi sociale ed economica, è rappresentativo di tutto il Paese e non solo di classi specifiche. «Speriamo di fermare il collasso e di riportare la prosperità», le parole con cui Mikati ha sottolineato come al primo posto in questo momento ci siano il bene e gli interessi di tutto il Paese. Il neo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno