· Città del Vaticano ·

Il mito sconfitto di una guerra «diversa»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 settembre 2021
Alla vigilia del loro ventennale, gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 conservano intatti l’aura drammatica e il ruolo di momento determinante del Ventunesimo secolo. Le immagini raffiguranti le Torri gemelle del World Trade Center di New York circondate da una nube di fumo rimangono impresse nella mente di chiunque le abbia viste, compresi coloro che al tempo erano ancora troppo giovani per capire. Il dirottamento coordinato di quattro aerei di linea da parte di un commando di Al Qaeda causò la morte di 2.996 persone, risultando l’attacco terroristico più sanguinoso di tutti i tempi e aprendo di fatto una nuova era nella storia dell’umanità. Gli attentati giungevano in un momento di apparente calma nello scenario geopolitico mondiale: la fine della guerra fredda aveva visto prevalere il modello di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno