· Città del Vaticano ·

A Jasov un monastero per la gente

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 settembre 2021
«Senza uscire non si incontra la Sapienza, che è la luce del volto di Dio che illumina il volto dell’uomo». È un pensiero caro a Papa Francesco che, ogni giorno, mettono in pratica i premostratensi del monastero di Jasov, in Slovacchia. Monaci che non sono chiusi al mondo, ma che nella loro attività di apostolato e di insegnamento vanno quotidianamente incontro al volto concreto dei fratelli e delle sorelle, con le loro ferite e i loro desideri, i loro interrogativi e i loro talenti. In questo 2021 ricorre il nono centenario da quando san Norberto e i suoi compagni emisero i voti religiosi nella città francese di Prémontré e — come dice l’abate Ambróz Martin Štrbák — anche il monastero di Jasov festeggia 900 anni «insieme a Dio tra la gente», che è il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno