· Città del Vaticano ·

Fusione nucleare, un reattore sperimentale nel 2025

09 settembre 2021
Roma, 9. Si è concluso con successo, annuncia Eni, l’esperimento sulla possibilità di produrre energia da fusione nucleare in condizioni «di elevata stabilità di tutti i parametri fondamentali». La Commonwealth Fusion System (Cfs), della quale Eni è il maggior azionista, ha testato la tecnologia basata sull’utilizzo di elettromagneti per far fondere atomi leggeri in più pesanti, producendo energia: in pratica i reattori ipotizzabili riprodurrebbero i cicli energetici alla base dell’evoluzione delle stelle. Gli elettromagneti hanno la funzione di generare le altissime temperature prodotte in natura dai corpi celesti. Secondo i committenti del test, la nuova tecnologia sarebbe sicura e non comporterebbe emissioni. Cfs ha anche annunciato un primo reattore sperimentale entro il 2025.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno