· Città del Vaticano ·

Protagonisti dell’unità

Una pastorale ecumenica

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 settembre 2021
«In questi mesi ho ricevuto tante attestazioni di stima e di sincero affetto verso di lui, da ogni parte d’Italia e dall’estero, che esprimono, attraverso ricordi, quanto sia stata incisiva la sua pastorale ecumenica»: così Pier Giorgio Debernardi, allora vescovo di Pinerolo, ricordava monsignor Pietro Giachetti a poche settimane dalla sua morte, avvenuta il 6 agosto 2006, sottolineando quanti gli erano riconoscenti per la scoperta della vocazione ecumenica della diocesi di Pinerolo che tanto aveva arricchito quel cammino in Italia. Per il suo stile, che era sempre accompagnato da parole e gesti per l’unità, Giachetti era diventato un punto di riferimento per l’ecumenismo, soprattutto per coloro che erano chiamati a confrontarsi con le difficoltà e le gioie del dialogo nella pastorale ecumenica della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno