· Città del Vaticano ·

Pura umanità

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 settembre 2021
«Anna si fermò alla porta e lo vide arrivare. Allora corse e gli si appese al collo», si legge nell’apocrifo Evangelo di Giacomo. È l’assiomatico abbraccio che cambiò la storia dell’umanità. Sì, perché dopo quell’incontro tra Anna e Gioacchino (i futuri nonni di Gesù), avvenuto sotto l’arco della Porta Aurea di Gerusalemme, nasce a Nazareth Maria, la madre di Gesù Cristo. E oggi 8 settembre (festa introdotta in Occidente da Papa Sergio i nel vii secolo), genetliaco della Vergine Maria, si celebra la Natività della Madre di Dio, per ribadire ancora oggi al mondo che la donna, sull’esempio della “straordinaria normalità” di Maria, è stata da sempre immagine di luce che innalza alla conoscenza della “Verità”. Tuttavia quando la donna, ogni donna, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno