· Città del Vaticano ·

Il Congresso eucaristico internazionale

Un faro luminoso tra le paure e le speranze dell’umanità

04 settembre 2021
Alla vigilia dell’apertura del 52° Congresso eucaristico internazionale pubblichiamo una riflessione scritta per «L’Osservatore Romano» dall’arcivescovo di Matera-Irsina, presidente del Comitato per i congressi eucaristici nazionali in seno alla Chiesa italiana. Il Congresso eucaristico internazionale di Budapest viene celebrato in un momento storico in cui si intrecciano momenti di speranza, per uscire dalla pandemia del coronavirus e guardare alla ripresa della vita nella sua normalità a tutti i livelli, e le continue tensioni e paure per nuovi scenari di guerra, violazioni dei diritti più elementari e abusi di poteri fondamentalisti anche religiosi. In questo momento storico e pensando al Congresso eucaristico mi viene davanti l’immagine di Gesù sulla croce, soprattutto quando dice: «Ho ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno