· Città del Vaticano ·

Storie di straordinaria normalità

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 settembre 2021
Alex Zanardi (nella foto la vittoria a Rio 2016) non è «il grande assente» ma «il grande presente» a Tokyo, nonostante stia lottando in ospedale per la vita. Praticamente tutti gli atleti gli riconoscono il merito di aver ispirato la possibilità di riscatto con lo sport. Il terribile incidente con la sua handbike, il 19 giugno 2020, ha suscitato profonda commozione: anche il Papa gli ha espresso vicinanza inviandogli una toccante lettera autografa. Zakia Khoudadadi (nella foto) ce l’ha fatta! Arrivata in modo roccambolesco a Tokyo — dopo essere fuggita da Kabul — ha realizzato il sogno di gareggiare nel taekwondo: è stata eleminata agli ottavi di finale. Anche Hossain Rasouli — scappato da Kabul con Zakia — è sceso in pista: non è arrivato a Tokyo in tempo per i 100 metri, la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno