· Città del Vaticano ·

Il lavoro, i trasporti e le infrastrutture: sull’Osservatore, da oggi, uno studio sui servizi della Capitale

Non è (forse) una città per giovani

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 settembre 2021
«Roma è una città per giovani?» Per rispondere a questa domanda non serve interpellare gli esperti. Basta far parlare i dati. E se è vero che attraverso le statistiche si potrebbe rischiare di offuscare idee o opinioni, occorre ammettere che la contemporaneità, per essere compresa al meglio, richiede l’aiuto delle analisi e dei numeri. Di seguito, la loro interpretazione e condivisione. Così si può scoprire che dietro i dati si nascondono risposte. Strategie. Visioni. Prima di capire se Roma è una città per giovani, occorre capire chi sono i giovani. Nella ricerca che qui si prende in esame ci si riferisce alle persone con età compresa tra i 18 e i 30 anni. Ossia, il 9,4% della popolazione romana (dati Istat, 2020). Dove sono distribuiti? In che zone della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno