· Città del Vaticano ·

Un’epoca di particolare creatività raccontata da Renato Marengo in «Napule’s Power. Movimento Musicale Italiano»

Fondere la cultura di strada con quella intellettuale

04 settembre 2021
È stata una felice, insolita alchimia che è riuscita a fondere la cultura di strada con quella borghese e intellettuale: nessun cambiamento politico, sociale e culturale sia stato avviato a Napoli nei secoli — dopo l’insuccesso della rivoluzione giacobina — ha avuto buon esito se non quando le due realtà sono risultate coese, stimolandosi a vicenda. Emblematico è stato quel generarsi di una cultura “altra” che la città ha saputo produrre con naturalezza, come quando ai primi del Novecento nacque il rapporto di stima e amicizia tra Benedetto Croce e Salvatore Di Giacomo, fondatori della rivista culturale «Napoli Nobilissima» che accoglieva fra le sue pagine le mille sfaccettature di una città in perenne fermento. Nel 1971 Renato Marengo — giornalista, scrittore, autore televisivo e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno