· Città del Vaticano ·

Una complessa partita geopolitica

03 settembre 2021
La caduta di Kabul nelle mani dei talebani ha segnato l’inizio di una nuova era per l’Afghanistan, dopo il ritiro delle forze militari straniere dal Paese, avvenuto a vent’anni di distanza dall’intervento americano del 2001. Il lungo conflitto con i Talebani, che hanno promesso di non trasformare l’Afghanistan in una base terroristica in grado di minacciare l’Occidente, ha provocato la morte di decine di migliaia di persone e ne ha costrette milioni alla fuga. Che cosa attende chi è rimasto in Afghanistan? Quali prospettive si aprono sul piano geopolitico? Secondo molti analisti, i talebani e Al Qaeda sono due realtà inseparabili ed i guerriglieri della seconda sono stati molto coinvolti nei combattimenti e nell’addestramento dei primi. La reale capacità organizzativa di Al Qaeda, al momento, è poco chiara ma ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno