· Città del Vaticano ·

Dalle periferie

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 settembre 2021
La Corte suprema brasiliana sulle terre agli indios Comunità indigene e governo del Brasile sono comparsi ieri davanti alla Corte suprema dove hanno difeso posizioni antagoniste sui criteri che regolano il possesso delle terre dei popoli nativi. Con migliaia di indios accampati nella Spianata dei Tre Poteri, a Brasília, i giudici della Corte hanno ascoltato le esposizioni dell’Avvocatura generale dello Stato e dell’Articolazione dei popoli indigeni del Brasile (Apib) sul cosiddetto “marco temporal”, che regola la distribuzione delle terre ai nativi. Secondo l’Avvocatura, il marco, in base al quale sono riconosciute come terre autoctone quelle occupate fino al 5 ottobre 1988, data di approvazione della Costituzione, va mantenuto. Il rispetto del marco è necessario per garantire la «certezza del diritto» ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno