· Città del Vaticano ·

Preghiera e digiuno per l’Afghanistan

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 settembre 2021

«Preghiera» e «digiuno»: sono le due risorse spirituali con cui la Chiesa manifesta solidarietà concreta con le popolazioni afghane in questo momento storico nel quale non si può «rimanere indifferenti». L’appello è stato lanciato dal Papa al termine dell’Angelus recitato domenica 29 agosto, insieme con i fedeli riuniti in piazza San Pietro. «Come cristiani questa situazione ci impegna» ha scandito il Papa dalla finestra dello studio privato del Palazzo apostolico, auspicando ancora una volta che «il dialogo e la solidarietà portino a stabilire una convivenza pacifica e fraterna e offrano speranza per il futuro del Paese».