· Città del Vaticano ·

In prima linea contro lo sfruttamento dei minori

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 settembre 2021
«Vincere lo “Stop slavery hero award”, oltre a essere un importante riconoscimento del nostro operato quotidiano nelle comunità minerarie della Repubblica Democratica del Congo per contrastare lo sfruttamento di bambini e adolescenti, proprio nell’Anno internazionale per l’eliminazione del lavoro minorile, ci offre l’opportunità di fare luce sulle violazioni dei diritti umani e sul lavoro forzato nelle filiere del cobalto». Con queste parole suor Jane Wainoi Kabui, direttrice del programma Bon Pasteur Kolwezi, ha commentato la recente assegnazione del riconoscimento annuale ideato dalla Thomson Reuters Foundation, ente benefico inglese. Il premio, che inizialmente riconosceva l’operato delle aziende promotrici di misure e pratiche atte a eliminare il lavoro forzato dalle loro filiere di approvvigionamento, ha in ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno