· Città del Vaticano ·

Dopo il ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan

La crisi dei rifugiati inizia ora

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
31 agosto 2021
Kabul , 31. In Afghanistan «una crisi più ampia è appena iniziata». Lo ha denunciato Filippo Grandi, Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), poche ore dopo che gli Stati Uniti hanno concluso dopo vent’anni la loro missione militare in Afghanistan. Secondo Grandi, entro fine anno oltre 500.000 dei 39 milioni di afghani — spinti da paura, fame e miseria — potrebbero fuggire dal Paese. Quando le immagini delle evacuazioni dall’aeroporto di Kabul «scompariranno dai nostri schermi, continueranno a esserci milioni di persone che avranno bisogno di supporto da parte della comunità internazionale», ha avvertito l’Alto commissario. Di qui il suo appello affinché le frontiere rimangano aperte e più Paesi condividano «questa responsabilità ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno