· Città del Vaticano ·

Se a Tokyo il podio è piatto

30 agosto 2021
Alle Paralimpiadi il telecronista non potrà dire che «il vincitore è salito sul gradino più alto del podio». E no, perché alle Paralimpiadi il podio è piatto e sono tutti insieme, allo stesso livello: il primo, il secondo e il terzo. È anche questione di opportunità, certo: con la sedia a rotelle, magari, è più complicato (ma non è impossibile) districarsi tra i gradini del podio. Ma è anche un segno. Forse, persino un’icona: l’immagine cioè di un mondo come sarebbe bello che fosse. Non è che bisogna primeggiare a tutti i costi, stare più in alto per forza. A Tokyo le gare paralimpiche sono in pieno svolgimento: iniziate martedì 24, si concluderanno domenica 5 settembre. Gli atleti sono 4.403 (2.550 uomini e 1.853 donne) ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno