· Città del Vaticano ·

Ccee e Cec sul Tempo del creato

Rinnovare l’«oikos» di Dio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 agosto 2021
«Il segno biblico della tenda di Abramo è stato scelto quest’anno per rappresentare l’impegno per la cura della “casa comune”, per la cura del creato, in spirito di accoglienza e dialogo. La sapienza di questa pagina biblica illumina il cammino e il lavoro delle Chiese cristiane in Europa, che vogliono rinvigorire il proprio impegno nella custodia del creato, per poter così rinnovare l’oikos di Dio, come recita il tema scelto per la celebrazione del Tempo del creato di quest’anno, perché esso diventi una casa per tutti i figli di Dio, senza esclusioni di nessun genere». Scrivono così — in un comunicato congiunto dal titolo Una casa per tutti? Rinnovare l’oikos di Dio, diffuso in vista dell’iniziativa che si svolge dal 1° settembre al 4 ottobre — il cardinale Angelo Bagnasco, presidente del ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno