· Città del Vaticano ·

Quando lo sport

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 agosto 2021
Dopo un 2020 incredibile in cui il tempo si è fermato e l’umanità veniva travolta e sconvolta dalla pandemia di covid 19, il mondo tenta lentamente di ripartire, giorno dopo giorno, attraverso le attività che prima erano normali e che oggi sembrano conquiste deliziose: un caffè al bar, una cena con gli amici, un film al cinema, le competizioni sportive. Questo periodo ha reso evidenti le nostre fragilità umane, i nostri dubbi, ha aumentato le solitudini e le distanze, colmate solo parzialmente dalla tecnologia che però non può restituire il calore di un abbraccio. La ripartenza e la speranza passa anche attraverso i Giochi olimpici che dall’antica Grecia segnano la fine delle guerre e l’inizio di un periodo di pace, un momento in cui lo sport era il centro del mondo. Per ragioni di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno