· Città del Vaticano ·

Dopo il terremoto del 14 agosto

Haiti, zone rurali ancora isolate

30 agosto 2021
Port-au-Prince, 30. Permane molto grave la situazione ad Haiti, il Paese caraibico colpito lo scorso 14 agosto da un devastante terremoto di magnitudo 7,2 sulla scala Richter. In particolare, molte zone rurali sono ancora inaccessibili alle squadre di soccorso. Il principale ostacolo resta l’inagibilità delle strade distrutte dal potente sisma. Le ultime informazioni da Port-au-Prince — ancora provvisorie — parlano di più di 2.500 vittime e di 12.000 i feriti, molti dei quali ricoverati in gravi condizioni. Migliaia le famiglie rimaste senza riparo e si contano 650.000 persone in uno stato di grave insicurezza alimentare. C’è bisogno urgente di cibo, di ripari, di kit sanitari e soprattutto bisogna intervenire per garantire acqua e condizioni igieniche adeguate, perché la popolazione più ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno