· Città del Vaticano ·

«Cos’è la mistica» di Max Huot de Longchamp

Dire l’indicibile

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 agosto 2021
Che la mistica sia ancora ai margini della vita cristiana è senza dubbio un dato di fatto, nonostante ciò aumentano le pubblicazioni di opere di mistici e mistiche e saggi che cercano in qualche modo di delinearne i tratti. A tale riguardo, di particolare rilievo l’esperienza di Max Huot de Longchamp, sacerdote a Mers-sur-Indre, nella diocesi di Bourges, fondatore di un centro di spiritualità intitolato a San Giovanni della Croce in cui, da diversi decenni, con un numero di laici, sacerdoti e religiosi, ha promosso la lettura e la meditazione di testi di spiritualità, selezionando, insieme alle più importanti opere della mistica cristiana di ogni tempo, opere ormai dimenticate. Inoltre, annotandone in schede i passi più significativi, ha curato la pubblicazione di numerosi testi antologici, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno