· Città del Vaticano ·

Una razione per 30 giorni costa alle famiglie quasi la metà del salario minimo mensile

Libano, crisi del pane

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 agosto 2021
Beirut , 28. È drammatica la condizione alimentare dei bambini libanesi. Ogni giorno è sempre meno il cibo che i piccoli trovano sulla tavola. La principale causa è nell’aumento del prezzo del pane (11 per cento), tanto che la razione di un mese arriva a costare quasi la metà del salario minimo mensile. L’allarme è stato lanciato da diverse ong del settore umanitario, che riferiscono che quasi un quarto della popolazione libanese e la metà dei rifugiati siriani in Libano non hanno cibo a sufficienza. Per questo le organizzazioni invitano il governo a sostenere economicamente i più colpiti. «Nessuna famiglia può vivere senza pane in Libano. Se il pane diventerà fuori portata, cosa che in alcuni casi sta già accadendo, non c'è un piano B oltre alla fame. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno