· Città del Vaticano ·

Tra Polonia, Lituania e Belarus

Scontro sui migranti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 agosto 2021
La Polonia ha annunciato la costruzione di un muro lungo il confine con la Belarus per fermare il flusso di migranti provenienti da Minsk che attraversa la frontiera tra le due nazioni. Nel 2020 centoventidue persone hanno attraversato il confine illegalmente mentre nel solo agosto del 2021 questa cifra è cresciuta fino a sfiorare i duemila individui. Polonia, Lettonia e Lituania hanno riferito di aver registrato un aumento significativo degli arrivi provenienti dall’Asia e dal Medio Oriente e secondo loro queste persone sono inviate al confine proprio dalle autorità bielorusse. L’Unione europea ha accusato Minsk di usare i migranti come un’arma in risposta alle sanzioni che sono state imposte a giugno per la soppressione delle proteste e l’arresto del giornalista dissidente Roman Protasevich, che si trovava a bordo di un ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno