· Città del Vaticano ·

Preghiera per l’Afghanistan nelle carceri italiane

27 agosto 2021
Roma, 27. «I detenuti dei nostri istituti, nonostante la loro condizione di ristretti, sono sempre attenti ai drammi e alle criticità fuori dalle mura. Le porte chiuse e sbarrate dei nostri penitenziari non ostacolano e non impediscono “alla preghiera di evadere” per avvolgere un mondo che soffre a causa delle violenze e dell’egoismo dell’umanità». Don Raffaele Grimaldi, ispettore dei cappellani delle carceri d’Italia, spiega così la decisione — presa assieme al direttore della Caritas Italiana, don Francesco Soddu — di promuovere per sabato 28 e domenica 29 agosto una giornata di preghiera per l’Afghanistan nei penitenziari. «Le drammatiche immagini di un Paese imprigionato nella paura e nel terrore, pongono interrogativi e invitano alla solidarietà umana e spirituale», si legge in ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno