· Città del Vaticano ·

L’esperienza di Padre Richard Frechette

In prima linea

27 agosto 2021
«Lo scorso 14 agosto ho compiuto 68 anni, e, dopo la celebrazione dell’Assunta, e i giri nel reparto Covid-19 dell’ospedale Saint Luke a Port au prince, stavo andando ai nostri 60 alveari, per i controlli sanitari e la raccolta del miele, quando la terra ha improvvisamente iniziato a tremare: si è sollevata sotto i nostri piedi e, per evitare che le merci in magazzino ci seppellissero, siamo corsi all’aperto, dove, fortunatamente, una squadra medica stava svolgendo campi sanitari estivi in zona, a Port Salut e Camp Perrin». Passano i giorni, le emergenze si susseguono, una dopo l’altra, ma Padre Richard Frechette, sacerdote passionista e medico, è ancora là, a fianco di migliaia di bambini e famiglie in uno degli angoli più poveri e remoti del pianeta. All’indomani del terribile sisma che ha colpito ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno