· Città del Vaticano ·

Il “banchiere” dei poveri

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 agosto 2021
I vulnerabili e gli emarginati erano la sua vita, fratelli meno fortunati che lui si sentiva in dovere di aiutare perché, diceva, l’evangelizzazione passa anche e soprattutto attraverso la testimonianza della carità. Padre Giulio Berutti, 77 anni, missionario del Pontificio istituto missioni estere (Pime), è morto l’11 agosto a Dhaka, in Bangladesh, a causa di complicanze sorte dopo aver contratto il covid. Da Dinajpur, nella cui cattedrale è stato sepolto, aveva raggiunto la capitale per ricevere cure migliori, ha spiegato il vescovo Sebastian Tudu. Un nuovo triste capitolo della diffusione pandemica nel Paese asiatico dove altri quattro missionari del Pime hanno contratto il covid: due sono guariti, gli altri sono stati ricoverati in ospedale. Originario di Busto Arsizio e ordinato sacerdote il 27 giugno ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno