· Città del Vaticano ·

A colloquio con don Giuseppe Lorizio

Credenti e al tempo stesso cittadini

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 agosto 2021
Lo Stato e la Chiesa sono oggi chiamati a dialogare, «deponendo velleità egemoniche da parte dello Stato e allontanando la tentazione temporalista (sempre in agguato anche se non nelle forme moderne) da parte della Chiesa»: è quanto pensa Giuseppe Lorizio, sacerdote della diocesi di Roma e ordinario di teologia fondamentale alla Pontificia Università Lateranense, che abbiamo intervistato a margine del corso. Come è cambiato il rapporto tra la Chiesa cattolica e lo Stato moderno in Italia rispetto ai tempi del Risorgimento? Al riguardo, come definire la fase che stiamo vivendo oggi? Sia lo Stato “moderno” sia la Chiesa “cattolica” hanno subito una profonda metamorfosi, nel momento in cui la società e la cultura occidentali si pongono in una prospettiva non più moderna, da alcuni ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno