· Città del Vaticano ·

L’arte

Turner e il maniscalco

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 agosto 2021
Rappresenta una “deviazione”, sorprendente ed illuminante, il quadro di Turner Un maniscalco di campagna (1807). I paesaggi crepuscolari e notturni e i temi storici e mitologici costituivano, infatti, il marchio di fabbrica dell’artista inglese. Con questa tela il pittore cambia decisamente registro e si dimostra sensibile al valore del lavoro svolto con dedizione e spirito di umiltà. La tela raffigura un’officina in cui l’attività ferve nel segno della passione e di una spoglia e rassicurante semplicità. Allo scenario caratterizzato da un così dinamico pragmatismo prende parte anche il mondo animale, rappresentato da alcune galline che, zampettando allegramente, sembrano unirsi al ritmo che scandisce il lavoro in quell’ambiente che trasuda efficienza. Il quadro, all’epoca rivestì un forte rilievo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno