· Città del Vaticano ·

La preoccupazione delle organizzazioni ecumeniche

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 agosto 2021
Di fronte alla recente e grave situazione politica e umanitaria in Afghanistan, due delle più importanti organizzazioni ecumeniche di estrazione protestante ed evangelica hanno reso note la loro opinione, preghiera e preoccupazione. Da un lato, l’Alleanza evangelica mondiale (Aem) ha espresso la sua profonda preoccupazione per la presa di potere in Afghanistan da parte dei talebani, che in passato si sono contraddistinti per la persecuzione delle minoranze religiose, la repressione delle donne, il traffico di droga e la tratta di esseri umani. In un comunicato ufficiale l’Aem chiede alle Chiese e ai credenti di pregare per il Paese, soprattutto per i cristiani afghani e altri soggetti vulnerabili, e per quanti sono fuggiti o stanno cercando di fuggire all’estero. Attraverso il suo segretario generale, il vescovo Thomas ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno