· Città del Vaticano ·

Il premier britannico chiede che i militari statunitensi restino in Afghanistan oltre il 31 agosto

Pressioni di Johnson su Biden

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 agosto 2021
Kabul , 23. L’estensione della presenza delle truppe Usa in Afghanistan, anche dopo la scadenza del 31 agosto, sarà al centro della riunione straordinaria del g7 convocata per domani (in formato virtuale) dal presidente di turno, il premier britannico, Boris Johnson. Secondo quanto fatto trapelare da Downing Street, l’intenzione di Johnson è quella di fare pressioni sul presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, perché i militari Usa restino oltre il tempo stabilito. Lo stesso Biden non ha escluso che questo possa accadere, per consentire le operazioni di evacuazione dal Paese, rese difficili dalla situazione caotica dopo la conquista di Kabul da parte dei talebani. Da questi ultimi arrivano segnali contrastanti: da una parte, hanno dichiarato disponibilità nel favorire le partenze, dall’altro hanno ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno