· Città del Vaticano ·

Il 71% della popolazione ne è sprovvista

Emergenza acqua in Libano

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 agosto 2021
Beirut, 23. L’Unicef lancia l’allarme per l’emergenza acqua in Libano: oltre il 71% della popolazione, quest’estate, ne è rimasta priva. Il rischio è che, per ottenere l’accesso a risorse idriche, le persone si affidino a fonti non sicure e costose. Ciò potrebbe fare sì che la salute pubblica e l’igiene siano compromesse, con un inevitabile aumento delle malattie legate a tale problema nonché un incremento nel numero dei casi di positività al covid-19. «A meno che non venga intrapresa un’azione urgente, più di quattro milioni di persone in tutto il Libano, soprattutto bambini e famiglie vulnerabili, devono affrontare la prospettiva di una carenza critica di acqua, o accettare di essere completamente tagliati fuori dalla fornitura di acqua sicura» si legge in un comunicato ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno