· Città del Vaticano ·

A causa dell’effetto combinato della guerra e della siccità

Alla fame un terzo degli afghani

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 agosto 2021
Kabul , 21. Nel martoriato Afghanistan, un terzo della popolazione — circa 14 milioni di persone — soffre la fame, come conseguenza dell’effetto combinato della guerra e della siccità. A lanciare l’allarme è il Programma alimentare mondiale (Pam), in uno scenario reso in questi giorni maggiormente instabile dal ritorno al potere dei talebani. «Il 2021 è un anno straordinariamente difficile per l’Afghanistan, segnato anche da una spaventosa crisi umanitaria in corso», ha dichiarato da Kabul il direttore del Pam in Afghanistan, Mary-Ellen McGroarty. La responsabile dell’agenzia dell’Onu ha riferito di volere rimanere nel Paese, nonostante la conquista della capitale, Kabul, da parte dei talebani, per «contribuire alla risposta umanitaria ora così necessaria». Al di là dei ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno