· Città del Vaticano ·

Dal San Lorenzo de Almagro al Celtic Glasgow

Un calcio al pallone nel nome di Dio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 agosto 2021
Era il giorno dell’Immacolata Concezione del 1946. Nel vecchio stadio del Gasometro, quartiere di Almagro a Buenos Aires, la formazione guidata dal talento dei tre italo-argentini Pontoni, Farro e Martino conquistò dopo dieci lunghi anni il titolo di campione d’Argentina. La squadra vestiva i colori rosso e azzurro del San Lorenzo e tra i tifosi festanti che invasero il campo c’era Mario Bergoglio, un ferroviere di origini piemontesi, insieme ai suoi cinque figli. Il primogenito Jorge Mario, sessantasette anni dopo sarebbe diventato il 266° Pontefice della Chiesa cattolica. Papa Francesco, tessera del club numero 88.235, non ha mai fatto mistero della sua simpatia calcistica per il San Lorenzo. E ancora oggi sorride amabilmente a chi, magari tifoso di altre compagini argentine, lo apostrofa simpaticamente cuervo, soprannome ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno