· Città del Vaticano ·

Il cardinale Simoni ricorda il vescovo Troshani

Quando bussò alla porta madre Teresa

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 agosto 2021
Ci ha pensato madre Teresa di Calcutta a trovare trent’anni fa, nell’estate del 1991, in un angolo remoto dell’Albania, un vescovo e un prete, isolati da un regime che li aveva perseguitati, ingiustamente condannati, incarcerati e torturati. Ma loro non avevano rinnegato la fede in Cristo e la fedeltà al Papa, resistendo a lusinghe e minacce di un sistema che si era vantato di essere «il primo Stato ateo al mondo». E con il suo stile pratico madre Teresa non perse tempo. Del resto, a lei — di origine albanese — «di andare a vedere cosa restasse del clero dopo la lunga notte della persecuzione glielo aveva chiesto Giovanni Paolo ii » ricorda oggi uno di quei due preti scampati alla strage: Ernest Simoni, che Papa Francesco ha creato e pubblicato cardinale nel 2016. L’altro prete era un vescovo, l’unico ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno