· Città del Vaticano ·

Dal Qatar un accordo per gli aiuti alla Striscia di Gaza

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 agosto 2021

Tel Aviv, 20. Una nuova speranza per le famiglie della Striscia di Gaza. Il Qatar ha annunciato ieri, e Israele ha confermato, che è stato raggiunto un accordo con l’Onu per trasferire fondi, ad oggi bloccati, alle famiglie più povere che abitano nel territorio palestinese. L’annuncio rappresenta un importante passo in avanti destinato ad allentare le tensioni alla frontiera con la Striscia a poco meno di 4 mesi dall’ultimo conflitto tra Israele e le fazioni palestinesi Hamas e Jihad islamica, gruppi considerati di natura terroristica dalla maggior parte della comunità internazionale.

Secondo l’intesa, circa 100 mila famiglie palestinesi povere della Striscia riceveranno, a partire dai primi giorni di settembre, 100 dollari in contanti ogni mese. Potranno così far fronte alle necessità quotidiane nonostante le difficoltà legate alla ricostruzione.

Il ministro della Difesa israeliano, Benny Gantz, confermando l’accordo, ha sottolineato che il meccanismo trovato «permetterà che i soldi arrivino a chi ne ha veramente bisogno». L’intesa avrà anche un effetto positivo sui colloqui indiretti mediati dal Cairo per rafforzare il cessate il fuoco. In effetti, Israele voleva essere sicuro che gli aiuti internazionali finissero nelle mani di chi ne ha veramente bisogno, e non ai gruppi terroristici. Gantz ha spiegato di essere stato in contatto con gli esponenti del Qatar che «hanno compreso i bisogni di Israele». Gantz ha anche reso noto che le parti stanno cercando un altro meccanismo per i fondi da distribuire all’Autorità palestinese per sostenere la popolazione.