· Città del Vaticano ·

Paolo Coccheri, dal palco alla strada

Cacciatori di briciole

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 agosto 2021
Spesso e volentieri siamo attratti da personaggi che conquistano la ribalta, che appaiono in televisione, sui quotidiani, sulle riviste, e soprattutto spopolano sul web. Quando lasciano questo mondo i media si precipitano a fare speciali su di loro. Eppure esistono persone straordinarie che compiono meraviglie ma, spesso e volentieri, rimangono in ombra. Quando è giunta la loro ora se ne vanno in silenzio, delicatamente. È il caso di Paolo Coccheri, morto a 85 anni il 2 agosto scorso. Paolo è stato molte cose. Sicuramente era un uomo di teatro. Una formazione approfondita che faceva di lui un teatrante preparatissimo, a tutto tondo. Inserito in contesti prestigiosi. Ma non era semplicemente questo, era un uomo dotato di una profonda carità che lo aveva spinto a vivere un forte impegno civico e sociale. Il suo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno