· Città del Vaticano ·

Per l’Onu in pericolo i diritti umani e chi li difende

Afghanistan: spari sulla folla

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 agosto 2021
Kabul , 19. Violenze inarrestabili in Afghanistan dopo la conquista di Kabul da parte dei talebani. Molte persone sono rimaste uccise oggi ad Asadabad, capoluogo della provincia di Kunar, dopo che i talebani hanno aperto il fuoco sulla folla che sventolava la bandiera nazionale durante una manifestazione per l’anniversario dell’indipendenza (19 agosto del 1919). Lo riporta un testimone, citato dalla agenzia Reuters. Non è chiaro se le vittime ad Asadabad siano dovute agli spari arrivati dai miliziani talebani o alla calca che hanno causato. La lunga scia di sangue e di violenza potrebbe provocare una catastrofe umanitaria. Lo ha denunciato il Rappresentante speciale delle Nazioni Unite per i diritti culturali, Karima Bennoune. «Serve un aiuto urgente da parte di tutti gli Stati — ha sottolineato — per salvare i difensori ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno