· Città del Vaticano ·

Sempre più frequenti gli eventi climatici estremi

In fiamme la Siberia Alluvioni e frane dalla Turchia alla Cina

13 agosto 2021
mosca, 13. Il bollettino sullo stato di salute del pianeta parte oggi dalla Siberia dove, sul tetto gelato del pianeta, brucia il più grande incendio del mondo che lambisce il Polo nord. Ed è quasi simbolica l’immagine delle fiamme in cima all’edificio della casa comune. Il più grande incendio del pianeta, duemila chilometri di fronte, divampa nella foresta di taiga trasformata in una polveriera dalla peggiore siccità degli ultimi 150 anni. La Siberia, la cui temperatura è aumentata di 3 gradi nel ventesimo secolo, è una delle principali fonti di destabilizzazioni climatiche del Pianeta. E le ultime notizie dall’emergenza globale parlano della Turchia travolta dalle inondazioni e dalle frane: 27 i morti accertati, decine i dispersi, cinque ponti collassati sotto la furia delle acque, strade ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno