· Città del Vaticano ·

Obala chiama Cefalù

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 agosto 2021
Grazie alla raccolta nelle parrocchie durante la Quaresima, la diocesi di Cefalù ha consegnato alla nuova scuola del villaggio di Bitsinda, in Camerun, centoventi banchi e tre cattedre per l’allestimento delle aule. Nel segno del progetto «Obala chiama Cefalù», sostenuto dalla Caritas diocesana, dal Servizio pastorale cooperazione tra le Chiese e Migrantes, prosegue dunque l’impegno in Africa dei missionari cefaludesi nella diocesi di Obala, suffraganea di Yaoundé. «Il viaggio missionario nella Chiesa di Obala — ha dichiarato il vescovo di Cefalù, Giuseppe Marciante — è espressione della gioia e della bellezza dello stare insieme nel segno della preghiera, della fraternità e della carità. Un’esperienza certamente forte, toccante e arricchente per i nostri missionari, ma ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno